NODULI CELLULARI 
Enrico Coniglio • sound
Mirco Salvadori • writing and reading
LIA • generative visual
Sabato 18 | Museo Umbro Apollonio 
:: NODULI CELLULARI ::
#CARTAVETRATA • Mario Nardo

La performance di reading e ambientazione elettronica e visuale coinvolgerà il giornalista e scrittore Mirco Salvadori, sound artist e compositore Enrico Coniglio e l’artista digitale generativa austriaca Lia.

Mirco Salvadori:
Nasce e vive a Venezia.
Dj e conduttore radiofonico indipendente dall’inizio degli anni ’80 fino alla fine del primo decennio del 2000. Creatore assieme a Massimo Caner di “Nocturnal Emission”, storico programma radiofonico che ha avuto l’onere e l’onore di crescere molte generazioni di “ascoltatori coerenti”
Critico musicale (area elettronica, di ricerca, raramente rock)
Dal 1983 ad oggi collaboratore del mensile musicale Rockerilla
Writer freelance per varie webzine musicali tra cui Diserzioni su Sherwood.it
Co-owner e art-director delle etichette digitali indipendenti Laverna e Falerna
Libero scrittore. Suoi racconti e articoli sono pubblicati sulla rivista letteraria digitale Nazione Indiana e sulla rivista internazionele SUD.
Ha pubblicato la sua prima raccolta di racconti e liriche intitolata Hazkarà nel 2016 per la casa editrice non solo discografica 13_Silentes con l’apporto musicale di Gigi Masin e le fotografie di Stefano Gentile e Monica Testa
E’ presente con un racconto scritto a quattro mani assieme a Francesco Forlani nella raccolta “Deaths in Venice” curata da Laura Liberale per Carteggi Letterari.
Presente con un suo intervento all’interno del progetto poetico espositivo “Inside-me” ideato e curato da Laura Liberale
Partecipa come scrittore, responsabile dell’aspetto letterario, ad “ALONE”: progetto discografico perpetuo e multidisciplinare di e con Gianni Maroccolo (Litfiba, CCCP Fedeli alla Linea, Consorzio Suonatori Indipendenti, Marlene Kuntz, Masbedo, Deproducers), musicista e produttore, un innovatore tra i più importanti nel panorama musicale italiano.

I suoni del reading della Notte dei Musei.

Enrico Coniglio (Venezia, 1975) è un sound artist e compositore italiano interessato all’estetica del paesaggio. Laureato in Pianificazione Territoriale, Urbanistica e Ambientale (IUAV), la sua ricerca intende investigare la perdita di identità dei luoghi e l’incertezza sull’evoluzione del territorio, con particolare attenzione al contesto della laguna veneziana.
Il suo approccio negli anni si è via via focalizzato sul rapporto tra musica e rappresentazione del reale, in particolare adottando la definizione di “topofonia” (l’insieme dei suoni autoctoni che appartengono a un dato luogo e tempo, G. Paba) e sviluppando il concetto di “area a margine” quale personale strumento di analisi del paesaggio sonoro contemporaneo. La sua musica è caratterizzata da una commistione di influenze stilistiche diverse, dall’ambient music alla drone, dalla musica cameristica al modern classical, sempre con una precisa predisposizione ad ibridare i differenti generi.
Ha pubblicato i suoi lavori con varie etichette tra cui Crónica electronica, Gruen Rekorder, Taalem, Fear Drop/Fario, Glacial Movements, Hypnos, Fluid Audio, Dronarivm, Silentes, Touch/Spire e suonato in diversi contesti, residenze artistiche e festival tra cui Planet Love (Dublin), The Big Chill (Birmingham), Hydrophonia (Barcelona 2010), Flussi (Avellino), Teatro Fondamente Nuove (Venice), Café Oto (London), O’ (Milan), Störung (Barcelona), Liminaria (Benevento), Aquamatrix (Avellino), Stazione Topolove (Topolò), DOM Cultural Centre (Moscow), Forma (Udine). Assieme a Nicola Di Croce, ha curato l’installazione audio della mostra Industriae per il centenario di Porto Marghera (Antares, VEGA, 2017) e della mostra Follow Up! (La Biennale di Venezia, 2018).
Dal 2012, assieme a Leandro Pisano, cura l’etichetta digitale Galaverna | approaching post-digital sound, specializzata in field recordings e soundscape compositions. Coniglio è membro di AIPS – Archivio Italiano Paesaggi Sonori.
www.enricoconiglio.com